Giusy Ferreri incanta con la sua nuova canzone d'amore Come un’ora fa (Testo e video)

 

Giusy Ferreri torna in rotazione radiofonica con il suo nuovo singolo Come un’ora fa. Il brano è il secondo singolo estratto dall’album Hits, la prima raccolta dell’ex vincitrice di X Factor, pubblicato lo scorso 4 dicembre 2015. La prima raccolta ufficiale di Giusy Ferreri, Hits, ha venduto moltissime copie, anche grazie al primo brano estratto Volevo te e al tormentone Roma-Bangkok, interpretato con la collega e amica Baby K.

Come un’ora fa di Giusy Ferreri è un brano dalle sonorità molto eleganti, che richiamano un sound old style. La canzone è stata scritta da Daniele Magro, autore storico di Giusy Ferreri, che ha dichiarato: Come un’ora fa è una canzone energica per quanto riguarda l’apertura degli incisi, malinconica per quanto riguarda il testo, molto vicino a Non ti scordar mai di me”. Come un’ora fa è accompagnata da un videoclip, nel quale il protagonista, insieme alla cantante palermitana, è il ballerino David Bellay. Nella clip, girata in bianco e nero, ci sono i due protagonisti che vivono un sentimento intenso, condizionato da un destino beffardo.

Giusy Ferreri sarà in tour a partire dal 10 maggio 2016 a Roma, presso l’Auditorium Parco della Musica, il 12 maggio 2016 a Milano al Barclays Teatro Nazionale ed infine a Palermo, il 16 maggio 2016, presso il Politeama Garibaldi.

GUARDA QUI IL VIDEO DI COME UN’ORA FA DI GIUSY FERRERI

Come un’ora fa, Testo

Caffè bollente la mattina
non curerà il dolore
e certo neanche l’autostima
amaro come questa prospettiva
amaro come un bacio
a cui non segue resta ancora

E allora si ritorna a scuola
son troppe quelle cose
che non ho imparato ancora
e dolce come sosta
dopo un anno di fatica
dolcissimo prometto per la vita

Di non amarti come prima
non consolarti come prima
desiderarti come allora
come un’ora fa

E non odiarmi come ora
non consumarmi come ora
siamo distanti più di allora
la la la

E avevo un vizio lo confesso
giocavo con tuo umore
che poi mi portavo addosso
ammesso e non concesso abbia frainteso
un chiodo resta sempre un chiodo
anche quando è appeso

Sono stati momenti
di labbra e di denti
mari di scuse
e mari di intenti
amore mio
ascolta se mi senti
prometto
di non amarti come prima
non consolarti come prima
desiderarti come allora
come un’ora fa

E non odiarmi come ora
non consumarmi come ora
siamo distanti più di allora
la la la

E il peggio è arrivato alla fine
la rosa ha mostrato le spine
dal canto tuo nessuno compassione
prometto
di non amarti come prima
non consolarti come prima
desiderarti come allora
come un’ora fa

E non odiarmi come ora
non consumarmi come ora
siamo distanti più di allora
la la la