23 Ways uniti contro il razzismo

 

Alicia Keys, Beyoncè e tanti altri, tra cantanti e attori, riuniti in un video, in cui elencano 23 modi in cui un nero può essere ucciso negli Stati Uniti.

Un video toccante che pretende un cambiamento radicale e esorta il popolo americano a firmare una petizione da presentare al Congresso e ottenere così maggiori diritti come, finanziamenti per l’assistenza sanitaria, istruzione e riforme per la giustizia penale, per tutte le minoranze.

Oltre venti artisti, tra cui Chris Rock, Rihanna, Taraji P. Henson e Pharrell Williams, riportano come documento fatti realmente accaduti a testimonianza dei vari modi in cui una persona di colore è stata uccisa negli Stati Uniti, con le star che una per volta dicono il motivo della morte e subito dopo viene messa la foto reale della vittima di colore in questione.

E così si susseguono nel video tutte le motivazioni più assurde, come nell’incipit, dove una fredda Alicia Keys, dicendo: “mancata segnalazione del cambio di corsia”, fa riferimento all’ uccisione di Sandra Bland che fu arrestata durante un controllo di routine, la scorsa estate in Texas, per morire poco dopo essere presa in custodia dalla polizia.

La sua morte fu archiviata come suicidio.

Il video, nato dalla collaborazione tra Mic. e il movimento “We are Here”,  prosegue con altri nomi e arriva a menzionare i recenti fatti che hanno visto la morte di Alton Sterling e Philando Castile.

Nel finale Alicia Keys dice: ” E’ giunta l’ora di cambiare, chiediamo una trasformazione radicale per guarire questo razzismo sistemico, così che tutti gli americani abbiano uguali diritti e possano vivere felici.”